Heat di Michael Mann: come è stata girata la scena della sparatoria

0

Come Michael Mann ha realizzato l’epica sparatoria di Heat

Secondo Michael Mann coreografare l’epica sparatoria del film nel centro di Los Angeles è stato proprio come mettere in scena un numero musicale.

Non intende una “coreografia” nel senso iperstilizzato di John Woo, ma piuttosto in termini di logistica. Sebbene la sequenza sia stata girata con telecamere portatili per farla sembrare feroce e del tutto spontanea, è un caos meticolosamente organizzato.

Dal momento in cui gli uomini armati hanno iniziato a sparare in strada, sapevano esattamente dove dovevano essere in ogni singolo momento. I loro movimenti potrebbero sembrare facili, ma sono il risultato di mesi di allenamento e, data la durata della sparatoria, nessuno di questi allenamenti poteva essere svolto per le strade di Los Angeles…

Il periodo delle prove per la sparatoria è iniziato con l’apertura di uno spazio in tre aree di tiro di proprietà del dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles. 

Abbiamo costruito un modello in scala reale della posizione effettiva che stavamo utilizzando lungo la 5th Street nel centro di Los Angeles, con appartamenti e barriere che indicavano dove sarebbe stata ogni macchina parcheggiata, ogni cassetta delle lettere, ogni punto in cui De Niro, Tom Sizemore e Val Kilmer avrebbero cercato riparo mentre si spostavano da una stazione all’altra“.

Mann ha provato i suoi attori fino a quando ogni singolo movimento è diventato naturale.

Alcuni hanno seguito un addestramento militare di base e riceveranno il massimo degli elogi per la tecnica di combattimento come Val Kilmer, in particolare il momento in cui, riparandosi dietro un’auto della polizia con la sua Colt M4, sostituisce un caricatore esaurito in cinque secondi. È una ricarica da manuale. Altrettanto impressionante è il modo in cui istintivamente punta il fucile verso il cielo mentre si sposta avanti e indietro per non sparare accidentalmente su uno dei suoi colleghi.

Questa situazione è molto insolita e precaria per la polizia di Los Angeles. Come spiega Mann, “Valutata rigorosamente in termini di analisi della scena e motivazione del personaggio, la polizia è abituata a entrare in una situazione con un potere schiacciante dalla sua parte. Quando viene aggredita da persone che sanno quello che sta facendo, non riesce a reagire”.

È un posto spaventoso per la polizia e Mann racconta questo senso di ansia allo spettatore usando l’audio cacofonico della posizione del giorno delle riprese. Se ci fosse mai stato un enorme scontro a fuoco nel centro di Los Angeles (in realtà, ce n’è stato uno stranamente simile due anni dopo a North Hollywood ), ecco come sarebbe e come suonerebbe: proiettili che sfrecciano avanti e indietro mentre il rapporto delle armi da fuoco echeggia dal cemento e dai grattacieli.

Il risultato più impressionante di Mann nell’esecuzione di questa sequenza potrebbe essere il modo in cui mantiene il pubblico concentrato sull’obiettivo di McCauley. Questi uomini non stanno cercando di cadere in un tripudio di gloria; stanno cercando di uscire da una situazione difficile con il bottino che hanno appena rubato alla banca. Questa tensione risuona ovunque, e poiché comprendiamo questi personaggi come qualcosa di più che dei criminali, una parte di noi vuole che se ne vadano liberi.

Mann ha continuato a realizzare una serie di accattivanti sparatorie in film come “Collateral“, “Miami Vice” e “Public Enemies“, ma la sequenza in “Heat” svetta sopra tutti loro. È un film brillante e brutalmente efficace che i registi hanno inseguito negli ultimi 27 anni. Ma quando si tratta di mettere in scena uno scontro a fuoco con questo grado di verosimiglianza, nessuno sa e fa “ballare” come Michael Mann.

Fonte: Slashfilm

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *