Tre strumenti per creare la suspense in un film: il suono, il montaggio e la fotografia

Avete presente quei momenti in un film in cui trattieni il respiro, i tuoi muscoli si irrigidiscono e riesci a malapena a tenere gli occhi sullo schermo? Non c’è niente di così emozionante/terrorizzante come scena di suspense ben costruita.

Per capire come funzionano le tecniche di messa in scena, dobbiamo separare i fondamentali elementi. Nel video di Studio Binder sono analizzate alcune delle migliori scene di suspense dei film.

Nello specifico, tre scene che utilizzano ciascuna un diverso elemento cinematografico per guidare la suspense: sound design, cinematografia e montaggio. Suspense che è basata sempre su tre fattori: incertezza, tempo e situazione/stadio/risultato della storia

SOUND DESIGN PER LA SUSPENSE
In Drive diretto da Nicolas Winding Refn, ci sono alcune scene da brividi. Nella rapina al banco dei pegni, non vediamo nulla della scena all’interno, tutto avviene fuori dal luogo della rapina, mentre aspettiamo semplicemente fuori, nel silenzio, con Driver. È la mancanza di suono che tiene la tensione al limite. Uno degli ingredienti chiave della suspense è l’incertezza: come finirà questa scena? E poiché non sentiamo nulla della rapina all’interno, la nostra incertezza rimane alta. Il ticchettio delicato ma insistente dell’orologio di Driver ci ricorda che il tempo sta per scadere, ma la silenziosità complessiva fa sembrare che stia per accadere qualcosa di brutto.

MONTAGGIO PER LA SUSPENSE
Il montaggio è solitamente il re dello spettacolo quando si tratta di creare suspense nel film. Il tempo è un altro elemento essenziale laddove l’editore ritarda il risultato determina la quantità di suspense. In The Thing/La cosa di John Carpenter, l’iconica scena dell’esame del sangue è un pezzo teso e claustrofobico. Con pochissimo sound design o musica, è il montaggio che crea davvero la suspense. Mantenendo ogni inquadratura dei sospetti negli stessi primi piani ravvicinati non siamo sollevati un attimo dalla tensione. Inoltre, questa coerenza dei primi piani mantiene i nostri sospetti anche su tutti i personaggi. Infine, mentre MacReady procede con il primo test, saltiamo avanti e indietro tra il sangue e le reazioni più di una dozzina di volte, ritardando il risultato e aumentando la suspense.

CINEMATOGRAFIA PER LA SUSPENSE
Nel nostro ultimo esempio, guardiamo l’iconica scena del seminterrato di Zodiac in cui Graysmith si trova alla presenza del potenziale assassino su cui stava indagando. Qui è la fotografia, comprese le luci, le angolazioni della telecamera e il movimento della telecamera, a creare uno scenario così terrificante. Non appena Graysmith si rende conto che il signor Vaughn potrebbe essere lo Zodiaco, l’illuminazione sembra passare da uniforme e neutra a contrasto elevato e da film horror. Innanzitutto, è intrappolato in un primo piano con Vaughn che incombe sullo sfondo. Quando entrano nel seminterrato, l’inquadratura dal basso porta il soffitto sopra Graysmith, intrappolandolo ancora di più. E l’illuminazione su Vaughn diventa sempre più sinistra finché non scompare completamente nell’ombra.

Le migliori scene di suspense nei film utilizzano una o tutte queste tecniche per allungare il tempo, aumentare la nostra incertezza e aumentare la posta in gioco (e la nostra frequenza cardiaca).

Vi ricordo, infine, che se volete vedere il video con i sottotitoli in italiano, dopo aver selezionato i sottotitoli, basta andare alle impostazioni e scegliere la traduzione automatica in italiano


About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *